Attività motoria e terza età: le discipline più consigliate

  • Autore: RUSPI MORENDO REGINALDO
  • 17 ott, 2017
coppia di anziani in palestra

Con l’avanzare dell’età, prendersi cura della propria forma fisica diviene sempre più arduo e faticoso.

Anche per questo motivo, molti anziani preferiscono accantonare l’attività fisica quotidiana, ritenendola non più adatta al loro stato di usura di ossa, articolazioni e fibre muscolari.

Ciò è vero e falso allo stesso tempo: da un lato infatti è evidente come una persona di 60 o più anni non possa svolgere la stessa attività fisica di un trentenne, soprattutto dal punto di vista dell’intensità; dall’altro, è stato ampiamente provato come l’esercizio quotidiano, se adeguatamente commisurato alla fascia d’età di appartenenza e alle condizioni psicofisiche generali, possa portare solo benefici alla salute individuale, migliorando la qualità e le aspettative di vita.

Come tenersi in forma in età avanzata

Se non si soffre di patologie specifiche, di malattie cardiovascolari o di disturbi a ossa e articolazioni, esiste una nutrita famiglia di attività fisiche – non solo appropriate ma caldamente consigliate – per la terza età.

L’importante è svolgerle con l’assistenza di personale qualificato, in grado cioè di offrire le opportune indicazioni per quanto riguarda le giuste tecniche e il corretto dosaggio dello sforzo quotidiano.

Alcune delle principali attività motorie per anziani

Delle numerose discipline specificamente adatte agli anziani (pur non essendo loro prerogativa esclusiva), indichiamo qui sotto le più popolari ed efficaci:

  • Camminare: la più elementare attività fisica da svolgere in età avanzata è anche una delle più efficaci. Rassegnarsi a una vita sedentaria equivale a lasciare che il tempo compia inesorabilmente la propria opera di usura sul nostro organismo. Al contrario, fare delle camminate quotidiane irrobustisce ossa e muscoli, facilita l’attività cardiovascolare, consente l’ossigenazione delle cellule e aiuta il mantenimento del peso forma;

  • Ballare: gli effetti del ballo sono grossomodo gli stessi delle camminate, con in più il benefit della socialità. Ballare in coppia o in gruppo è fondamentalmente un divertimento, e come tale migliora l’umore. In più, praticando questa disciplina si ha la possibilità di sperimentare nuove (o dimenticate) funzioni motorie del corpo;

  • Pilates: la ginnastica dolce più diffusa e praticata da ogni fascia d’età. Tra i benefici che apporta: miglioramento dell’elasticità dei muscoli, mantenimento della tonicità delle articolazioni, postura ed equilibrio. Inoltre, non richiede un grande sforzo muscolare, pertanto può essere svolta anche da persone molto anziane.

C’è poi una quarta disciplina che ci sentiamo di consigliare, al punto che vogliamo dedicarle qualche riga a parte.

I benefici dello Yoga

Questa antichissima disciplina, originaria dell’India, coniuga cura del corpo e pratiche spirituali, al fine di raggiungere una perfetta armonia tra questi due emisferi dell’esistente.

Scendendo più nel concreto, è stato dimostrato come lo Yoga aiuti a mantenere i muscoli in buone condizioni di elasticità, a tenere sotto controllo la pressione e ad alleviare i dolori cronici.
Autore: RUSPI MORENDO REGINALDO 06 nov, 2017

Lo sport oggi conosciuto come Kick Boxing è il risultato di un complesso mix di diverse discipline da combattimento, perlopiù di origine orientale; in particolare  sono coinvolti stili e tecniche mutuati dal Taekwondo – a sua volta risultato di un lungo ed elaborato blend di antiche arti marziali coreane e giapponesi – e dal Full Contact Karate, ossia l’evoluzione dell’antica disciplina giapponese, ripensata dall’americano Joe Lewis.

La commistione di queste due discipline è utilizzata specialmente per quanto riguarda la postura e il movimento della parte bassa del corpo e il modo di sferrare i calci; per ciò che riguarda il busto invece il riferimento principale è la boxe tradizionale di matrice britannica.

In questo modo, la Kick Boxing si propone come un efficace ponte tra culture e tradizioni di combattimento orientali e occidentali.
Autore: RUSPI MORENDO REGINALDO 17 ott, 2017

Con l’avanzare dell’età, prendersi cura della propria forma fisica diviene sempre più arduo e faticoso.

Anche per questo motivo, molti anziani preferiscono accantonare l’attività fisica quotidiana, ritenendola non più adatta al loro stato di usura di ossa, articolazioni e fibre muscolari.

Ciò è vero e falso allo stesso tempo: da un lato infatti è evidente come una persona di 60 o più anni non possa svolgere la stessa attività fisica di un trentenne, soprattutto dal punto di vista dell’intensità; dall’altro, è stato ampiamente provato come l’esercizio quotidiano, se adeguatamente commisurato alla fascia d’età di appartenenza e alle condizioni psicofisiche generali, possa portare solo benefici alla salute individuale, migliorando la qualità e le aspettative di vita.
Autore: RUSPI MORENDO REGINALDO 07 set, 2017

Fare attività fisica apporta numerosi benefici, in quanto consente non solo di mantenersi in forma, ma anche di migliorare lo stato generale di salute, e ridurre i rischi di patologie e problematiche di diversa natura.

Un allenamento costante è dunque fondamentale per il benessere generale del corpo, senza contare il fatto che praticare sport permette di scaricare lo stress e le tensioni, aiutandoci quindi ad affrontare meglio le quotidiane difficoltà con risvolti positivi a livello psico-sociale. Se fare attività fisica è consigliato a tutti, altrettanto importante è però affidarsi a dei professionisti, soprattutto se ci si avvicina all’allenamento per la prima volta e si necessita quindi di una guida che sappia indicare il programma più adatto alle nostre esigenze.

Autore: RUSPI MORENDO REGINALDO 17 ago, 2017

Seguire un corretto regime alimentare, sia prima che dopo un’attività fisica, è indispensabile per ottenere dei reali benefici non solo per i muscoli ma per l’intero organismo.

Spesso chi pratica uno sport o segue un ciclo di allenamento in palestra non sa esattamente qual è la migliore dieta da adottare per riuscire a ottenere un corpo tonico e in forma. Scegliere correttamente i cibi e programmare un regime alimentare equilibrato è una prerogativa indispensabile per far si che l’allenamento svolto riesca effettivamente a produrre dei risultati.

Quali sono, quindi, i cibi da assumere durante e dopo l’allenamento?
Quali le vitamine e le altre sostanze che non devono mai mancare nel nostro regime alimentare?
Autore: RUSPI MORENDO REGINALDO 17 lug, 2017

Soprattutto in vista dell’estate, molte persone, intimorite dalla fatidica prova costume, intensificano il loro allenamento per arrivare in forma in spiaggia; ma giunto il periodo estivo, altrettanto spesso ci si dimentica delle attività fisiche per dedicarsi al tempo libero o semplicemente per rilassarsi. Se è bene concedersi un po’ di relax, è altrettanto fondamentale non trascurare la propria forma fisica, anche per non vanificare tutti i risultati raggiunti con l’allenamento.

Ma come riuscire a tenersi in forma in estate? Quali gli esercizi più indicati per conservare una silhouette invidiabile e dei muscoli scolpiti?
La soluzione ideale è adottare una routine di allenamento da svolgere a casa, prevedendo una serie di esercizi di base particolarmente efficaci sia per rassodare e dimagrire che per aumentare la massa muscolare.

Share by: