La Kick Boxing: fra benessere e difesa personale

  • Autore: RUSPI MORENDO REGINALDO
  • 06 nov, 2017
ragazza durante un allenamento di kickboxing

Lo sport oggi conosciuto come Kick Boxing è il risultato di un complesso mix di diverse discipline da combattimento, perlopiù di origine orientale; in particolare  sono coinvolti stili e tecniche mutuati dal Taekwondo – a sua volta risultato di un lungo ed elaborato blend di antiche arti marziali coreane e giapponesi – e dal Full Contact Karate, ossia l’evoluzione dell’antica disciplina giapponese, ripensata dall’americano Joe Lewis.

La commistione di queste due discipline è utilizzata specialmente per quanto riguarda la postura e il movimento della parte bassa del corpo e il modo di sferrare i calci; per ciò che riguarda il busto invece il riferimento principale è la boxe tradizionale di matrice britannica.

In questo modo, la Kick Boxing si propone come un efficace ponte tra culture e tradizioni di combattimento orientali e occidentali.

Un efficace sistema di autodifesa

Il risultato è una disciplina che coniuga l’eleganza delle pratiche orientali con il pragmatismo delle tecniche di autodifesa occidentali, con un accento particolare su quest’ultimo aspetto. Infatti è stato provato come le tecniche di Kick Boxing siano le più efficaci da applicare in situazioni di aggressione improvvisa, in ragione della loro facilità di esecuzione e dell’immediatezza dei risultati.

Inoltre, il fatto che nella Kick Boxing non siano contemplate mosse che coinvolgano gomiti e ginocchia rende l’apprendimento di tale disciplina più rapido e meno complesso, garantendo allo stesso tempo un risultato ottimale in termini di potenziamento fisico.

Benefici della Kick Boxing

Praticando la Kick Boxing vengono sollecitati praticamente tutti i gruppi muscolari, in maniera continua e armonica, senza particolari contraccolpi: in questa disciplina infatti le fasi di riscaldamento e di stretching finale sono importanti come quella del combattimento e aiutano a prevenire i tipici infortuni muscolari e tendinei dei lottatori (stiramenti, distrazioni, contratture).

Inoltre il continuo movimento aiuta a bruciare ingenti quantità di calorie e favorisce l’eliminazione delle tossine. Per questo, la Kick Boxing viene consigliata alle donne che desiderano rimuovere in maniera naturale cellulite e smagliature.

Un altro apporto significativo della Kick Boxing al benessere psicofisico individuale risiede nella riduzione del coefficiente di stress, nello scarico dell’aggressività e nell’incremento motivazionale.

La maggiore efficienza fisica aumenta l’autostima e la fiducia in se stessi, aiutando ad affrontare con fermezza le situazioni di forte tensione emotiva e i momenti di pressione psicologica. Anche la capacità di reazione subisce infine una robusta accelerazione.

Un prezioso alleato contro ansia e reazioni nervose

In virtù di queste sue qualità, la Kick Boxing è considerata un’eccellente coadiuvante nel contrasto degli stati d’ansia permanenti o ricorrenti, degli attacchi di panico o di qualsiasi forma di propensione a una forte somatizzazione psicologica degli eventi esterni.

Tutte le reazioni nervose, dagli scatti di rabbia agli attacchi di ansia particolarmente acuti, risultano mitigate dalla pratica assidua e costante di questa disciplina. In questo modo, la socialità e la vita di relazione (inclusi i legami familiari con genitori, fidanzati/e, coniugi e figli) risultano in molti casi sensibilmente migliorate e i mprontate a una maggiore serenità di rapporti.
Autore: RUSPI MORENDO REGINALDO 06 nov, 2017

Lo sport oggi conosciuto come Kick Boxing è il risultato di un complesso mix di diverse discipline da combattimento, perlopiù di origine orientale; in particolare  sono coinvolti stili e tecniche mutuati dal Taekwondo – a sua volta risultato di un lungo ed elaborato blend di antiche arti marziali coreane e giapponesi – e dal Full Contact Karate, ossia l’evoluzione dell’antica disciplina giapponese, ripensata dall’americano Joe Lewis.

La commistione di queste due discipline è utilizzata specialmente per quanto riguarda la postura e il movimento della parte bassa del corpo e il modo di sferrare i calci; per ciò che riguarda il busto invece il riferimento principale è la boxe tradizionale di matrice britannica.

In questo modo, la Kick Boxing si propone come un efficace ponte tra culture e tradizioni di combattimento orientali e occidentali.
Autore: RUSPI MORENDO REGINALDO 17 ott, 2017

Con l’avanzare dell’età, prendersi cura della propria forma fisica diviene sempre più arduo e faticoso.

Anche per questo motivo, molti anziani preferiscono accantonare l’attività fisica quotidiana, ritenendola non più adatta al loro stato di usura di ossa, articolazioni e fibre muscolari.

Ciò è vero e falso allo stesso tempo: da un lato infatti è evidente come una persona di 60 o più anni non possa svolgere la stessa attività fisica di un trentenne, soprattutto dal punto di vista dell’intensità; dall’altro, è stato ampiamente provato come l’esercizio quotidiano, se adeguatamente commisurato alla fascia d’età di appartenenza e alle condizioni psicofisiche generali, possa portare solo benefici alla salute individuale, migliorando la qualità e le aspettative di vita.
Autore: RUSPI MORENDO REGINALDO 07 set, 2017

Fare attività fisica apporta numerosi benefici, in quanto consente non solo di mantenersi in forma, ma anche di migliorare lo stato generale di salute, e ridurre i rischi di patologie e problematiche di diversa natura.

Un allenamento costante è dunque fondamentale per il benessere generale del corpo, senza contare il fatto che praticare sport permette di scaricare lo stress e le tensioni, aiutandoci quindi ad affrontare meglio le quotidiane difficoltà con risvolti positivi a livello psico-sociale. Se fare attività fisica è consigliato a tutti, altrettanto importante è però affidarsi a dei professionisti, soprattutto se ci si avvicina all’allenamento per la prima volta e si necessita quindi di una guida che sappia indicare il programma più adatto alle nostre esigenze.

Autore: RUSPI MORENDO REGINALDO 17 ago, 2017

Seguire un corretto regime alimentare, sia prima che dopo un’attività fisica, è indispensabile per ottenere dei reali benefici non solo per i muscoli ma per l’intero organismo.

Spesso chi pratica uno sport o segue un ciclo di allenamento in palestra non sa esattamente qual è la migliore dieta da adottare per riuscire a ottenere un corpo tonico e in forma. Scegliere correttamente i cibi e programmare un regime alimentare equilibrato è una prerogativa indispensabile per far si che l’allenamento svolto riesca effettivamente a produrre dei risultati.

Quali sono, quindi, i cibi da assumere durante e dopo l’allenamento?
Quali le vitamine e le altre sostanze che non devono mai mancare nel nostro regime alimentare?
Autore: RUSPI MORENDO REGINALDO 17 lug, 2017

Soprattutto in vista dell’estate, molte persone, intimorite dalla fatidica prova costume, intensificano il loro allenamento per arrivare in forma in spiaggia; ma giunto il periodo estivo, altrettanto spesso ci si dimentica delle attività fisiche per dedicarsi al tempo libero o semplicemente per rilassarsi. Se è bene concedersi un po’ di relax, è altrettanto fondamentale non trascurare la propria forma fisica, anche per non vanificare tutti i risultati raggiunti con l’allenamento.

Ma come riuscire a tenersi in forma in estate? Quali gli esercizi più indicati per conservare una silhouette invidiabile e dei muscoli scolpiti?
La soluzione ideale è adottare una routine di allenamento da svolgere a casa, prevedendo una serie di esercizi di base particolarmente efficaci sia per rassodare e dimagrire che per aumentare la massa muscolare.

Share by: